IC MARCELLINA

Ordinanza MIUR n. 172 del 4 dicembre 2020 e Linee Guida

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCELLINA – C.F. 86000200583 C.M. RMIC8AS009 – AOO_RMIC8AS009 – REGISTRO PROTOCOLLO
Prot. 0000102/U del 12/01/2021 11:22:31 VII.6.1 – comunicazioni varie

Ai Genitori degli alunni della Scuola Primaria
e p.c. ai Docenti della Scuola Primaria


OGGETTO: Ordinanza MIUR n. 172 del 4 dicembre 2020 e Linee Guida

Gentili Genitori,
la recente Ordinanza MIUR n. 172 del 4 dicembre 2020 prevede il giudizio descrittivo al posto dei voti numerici nella valutazione periodica e finale degli alunni della scuola primaria. Secondo le nuove disposizioni, il giudizio descrittivo di ogni studente sarà riportato nel documento di valutazione e sarà riferito a quattro differenti livelli di
apprendimento:
• avanzato: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di risorse sia fornite dal docente, sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.
• intermedio: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note, utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove, anche se in modo discontinuo e non del tutto autonomo.
• base: l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.
• in via di prima acquisizione: l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.

I livelli di apprendimento (avanzato, intermedio, base, in via di prima acquisizione) sono descritti tenendo conto della combinazione di quattro dimensioni, così delineate:a) l’autonomia dell’alunno nel mostrare la manifestazione di apprendimento descritto in uno specifico obiettivo. L’attività dell’alunno si considera completamente autonoma
quando non è riscontrabile alcun intervento diretto del docente;

b) la tipologia della situazione (nota o non nota) entro la quale l’alunno mostra di aver raggiunto l’obiettivo. Una situazione (o attività, compito) nota può essere quella che è già stata presentata dal docente come esempio o riproposta più volte in forme simili per lo svolgimento di esercizi o compiti di tipo esecutivo. Al contrario, una situazione non nota si presenta all’allievo come nuova, introdotta per la prima volta in quella forma e senza specifiche indicazioni rispetto al tipo di procedura da seguire;
c) le risorse mobilitate per portare a termine il compito. L’alunno usa risorse appositamente predisposte dal docente per accompagnare il processo di apprendimento o, in alternativa, ricorre a risorse reperite spontaneamente nel contesto di
apprendimento o precedentemente acquisite in contesti informali e formali;
d) la continuità nella manifestazione dell’apprendimento. Vi è continuità quando un apprendimento è messo in atto più volte o tutte le volte in cui è necessario oppure atteso. In alternativa, non vi è continuità quando l’apprendimento si manifesta solo sporadicamente o mai.
I nuovi criteri terranno conto di eventuali casi BES o DSA. Chi ha disabilità certificate sarà valutato in base al raggiungimento dei singoli obiettivi, previsti dal Piano educativo individualizzato (PEI) o dal Piano didattico personalizzato (PDP) nel caso dei DSA. Analogamente, nel caso di alunni che presentano bisogni educativi speciali (BES),
i livelli di apprendimento delle discipline si adattano agli obiettivi della progettazionespecifica, elaborata con il piano didattico personalizzato.
Nei giorni di sospensione delle attività didattiche lo staff di valutazione della scuola, la referente di plesso e i coordinatori dei dipartimenti hanno lavorato in team con professionalità ed abnegazione per elaborare il nuovo DOCUMENTO DI
VALUTAZIONE della nostra scuola, parte integrante del PTOF, in linea con l’Ordinanza e le Linee Guida. Il Documento di valutazione, una volta deliberato in Collegio docenti, il 13 gennaio 2020, sarà parte del PTOF e pubblicato sul sito
perché ognuno possa prenderne visione. La trasparenza della valutazione è garanzia di qualità di una scuola. Il registro elettronico si sta adeguando ai nuovi giudizi.
Cordiali saluti

Dirigente Scolastico
Prof.ssa Angela Bianchi